Tortini di sfoglia con insalata greca (?)

mercoledì 16 luglio 2014


A questo punto della stagione vorrei andare in vacanza. Sarà che vivo in una città di mare e persone in costume talmente abbronzate da avere la tonalità dell'ossidiana mi sfrecciano davanti sui loro motorini per poi cimentarsi in improbabili tuffi pirotecnici dal molo non lontano da casa o che nelle pizzerie scorgo tedeschi arrazzati ma felici che ordinano una pizza dopo l'altra e si fanno fare dal cameriere  foto sorridenti accanto ai loro piattoni unti. O sarà che è estate, semplicemente. 

Vorrei essere in vacanza, in una di quelle località che ora sono piene stivate di gente, ma chi se ne frega, ci sarei anche io. A fare niente tutto il giorno, leggendo gli inserti dei giornali, ad uscire la sera con il maglioncino perchè fa un po' più fresco.
Vorrei essere in Grecia, nello specifico, che per me rappresenta La vacanza; in gioventude ho vissuto li per circa un paio di mesi ed è stato indimenticabile. Ovviamente a Mykonos, che almeno all'inizio del millennio era l'isola del "è tutto bono", solo divertimento.
Con due mie amiche ci siamo stabilite al "Paradise Beach", un campeggio dove dormire era un optional. Per ripagarci la piazzola dove alle 6 del mattino il caldo era pari a quello della Death Valley abbiamo accettato l'illustre posizione di Kamaki, ossia di "abbordatrice", non saprei come altro definire la questione, visto che il nostro lavoro consisteva nel convincere le persone appena scese dai traghetti a venire e soggiornare nel nostro "Paradiso". Dovevamo mostrare foto del campeggio, ma visto che una piazzola pur sempre 'na piazzola è, dovevamo soprattutto trasmettere l'idea del delirio che si scatenava dalle 16 in poi, quando shortini di tequila venivano offerti gratis sulla spiaggia e poi tutti ubriachi a ballare in piscina fino al tramonto, per poi riprendere dopo cena. Cosa più pericolosa a ripensarci, non poteva esserci.
In uno di questi deliranti pomeriggi, dall'alto del mio Uno metro e 69 centimetri di altezza e silhouette simile ad un Oinokoe  ho pure fatto la ballerina sul cubo. Dopo due ore di deliranti mosse dove la scioltezza era simile a quelli che facevano la mossa del robot negli anni '80 ho deciso che era il caso di finirla e mi sono buttata in piscina. Era davvero l'isola del "è tutto bono". 
Comunque, ripensando alla Grecia, al suo mare blu e ai tetti bianchi di Santorini che non avrò l'occasione di visitare neanche quest'anno, ho riadattato un classico della cucina greca e ne ho fatto un finger food, un cibo prepartita Russia 2018, degli aggeggini per combattere la  fame chimica, insomma gli utilizzi possono essere vari e molteplici.
Kalispera e buone vacanze a tutti. 

Ingredienti
170 gr. di Tofu
2 Pomodori
1 Cetriolo
1 Rotolo di pasta sfoglia *io non l'ho assolutamente fatta a mano, perchè la pasta sfoglia è il mostro sacro, la Mordor lontana che mi guarda con l'occhio incazzato. Magari un giorno proverò, intanto, questo un utilissimo link sulle varie che si trovano già pronte in commercio
Olive nere 
1 Cipollotto di Tropea
Spezie: 1/2 Cucchiaino di Aneto, 1/2 di Basilico, 1/2 di Origano, 1/2 di Aglio in polvere
2 Cucchiai di Limone
3 Cucchiai di Olio
Sale

Tempo: 10 h + 1 notte + 10 minuti
  • Si inizia preparando la "feta" di tofu: si prende il panetto e lo si mette a scolare con un peso sopra in modo che perda tutta l'acqua per circa 9-10 ore, fino a che risulterà ben asciutto. Una volta pronto lo si sbriciola e si aggiungono le spezie, il limone, l'olio e si aggiusta di sale. Si lascia marinare per una notte.
  • Si preriscalda il forno a 180°.
  • Si prende la sfoglia e si tagliano dei dischi con il coppa pasta. Si mettono a cuocere 10 min. nel forno.
  • Nel frattempo si affettano in piccoli quadratini i pomodori ed il cetriolo, e si sminuzza il cipollotto.
  • Si guarniscono i dischi di pasta pronti con un po' di verdure, un po' di "feta" ed un'oliva. 


16 commenti:

  1. Mykonos...Santorini...che bei ricordi che evochi!!Completamente d accordo:la Grecia è vacanza,è tramonto con un ouzo,pyta mentre il meltemi ti spettina,mare freddo e blu che ti rilassa al solo guardarlo!questi tortini sono invitanti come un'isola greca!!!bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, quanti ghiro pyta a quei tempi...erano uno dopo l'altro. E poi i tramonti sul mare...
      Ah bene, che bei momenti..
      Bacioni anche a voi!!

      Elimina
  2. Mykonos mi manca, e ormai credo di aver superato l'età d'ammissione in quelle isole del "è tutto bono"!
    Qualche anno fa, ricordo di aver visto in persona gli Dei dell'Olimpo a Rodi: visita guidata ai reperti archeologici alle ore 13:00 ad agosto con 45° all'ombra!!! da m-o-r-i-r-e!!!!
    In compenso grandissime scorpacciate di yogurt+cetrioli, feta+pomodorini e pesche dolcissime che vendeva in spiaggia un "indigeno" -in tutti i sensi- con cui ci si comunicava solo a gesti!! Mitica vacanza!!!
    ...e mitiche pure ste sfogliette D-I-V-I-N-E !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedi, la Grecia riporta subito immagini positive e di vacanze mitiche, come si fa a non adorarla!??!
      Uno è felice anche con 45° all'ombra, è geniale...

      Elimina
  3. Dovevo andare in Grecia questo agosto... ma viaggio rimandato. Quindi chi meglio di me "capisce" quello che scrivi, dal momento che sono stata a Paros con un'amica ormai più di 10 anni fa e i tuoi ricordi si mischiano incredibilmente ai miei? E mentre lo dico, maledetta animavintagechenonsonoaltro, un pizzico di nostalgia mi assale... son fatta così...
    Dò un morso ai tuoi tortini e ti saluto, ballando il sirtaki...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, pensiamo che è sempre li che ci aspetta e prima o poi ce la faremo a tornarci!
      E comunque c'è da dire che menomale che quando era il momento ce le siamo fatte e godute certe vacanze, ora che alla mezza son già con un piede nel letto sarei veramente un pesce fuor d'acqua, per quello ora l'obiettivo è Santorini, che mi han detto essere " affascinante e molto romantica"che mi pare un modo carine di dire da vecchi, ma dopotutto questi siamo..
      Viva la Grecia e la gioventù!

      Elimina
  4. ahahaha.. bellissimo racconto.. alla fine del liceo anch'io ho vissuto vagabondando per le isole greche, per circa 2 mesi, dormendo in tenda, sui tetti delle case, in spiaggia.. eravamo un gruppo di dieci adolescenti post maturità, con chitarre e sacchi a pelo al seguito! Mikonos la ricordo proprio per il campeggio di cui parli! Due anni fa sono tornata, un mese, questa volta col mio boy vagabondo, e abbiamo visitato anche Ios, Santorini e Naxos, ma a ottobre! Periodo decisamente tranquillo, ma se ti piace anche il lato più selvaggio della Grecia apprezzerai! Abbiamo girato coi traghetti e autostop, meraviglia!! Anch'io vivo in una città di mare, ma il mio colore è più simile a quello di una turista inglese :((
    Ps. questi tortini di sfoglia sono freschi e golosi, perfetti con questa afa che ammoscia anche la voglia di cucinare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, Ottobre potrebbe essere un buon mese per me per partire, e il lato selvaggio è decisamente quello che di solito apprezzo di più! Anche perchè diciamocelo, l'energia dei 20 anni è rimasta, appunto, nei 20 anni, i balli sfrenati sui tavolini sono solo un ricordo ormai...Decisamente mi piacerebbe vedere una Grecia più calma. Chissà, magari riuscirò :)
      Comunque anche io son pallidina parecchio..vabbè, siamo più originali dai!
      Ciao e grazie del passaggio

      Elimina
  5. Vorrei che tutte le armi chimiche fossero così gustose :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe decisamente un mondo migliore..:)

      Elimina
  6. Mai stata in Grecia, ahimè, ma il mio compagno ha vissuto un anno a Santorini, e i suoi racconti sono deliranti più o meno come i tuoi. Nonostante la non frequentazione di quei luoghi all'apparenza meravigliosi adoro la cucina greca, quel mix di mediterraneo e medioriente per me irresistibile: ciò che proponi qui sembra piuttosto invitante…cominciamo dal replicare la ricetta, poi vedremo quale utilizzo farne tra quelli che hai suggerito :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un anno?Bellissimo, beato lui, chissà come deve essere d'inverno, sarei molto curiosa.
      La cucina mediterranea è tra le mie preferite, è solare, è fresca, speziata..
      Grazie per essere passata! A presto

      Elimina
  7. Quella sì che è una vacanza! Mai fatta una roba così, e con l'età che avanza mi chiedo se a questo punto mi capiterà mai.
    Anch'io come te comincio dopo un po' ad avere voglia di una vacanza vera, i primi tempi dopo la fine dei corsi sto bene anche a casa a cazzeggiare e fare tutte quelle cose per cui durante l'anno non ho il tempo, ma dopo un mesetto avanti così mi rompo e ho voglia di spiagge, di vita, di gente!
    Questi tortini sono deliziosi, mi fanno un sacco gola anche se devo dire, io il tofu l'ho sempre usato così com'è senza mai questa lenta sgocciolatura, cambia parecchio il sapore??
    Buone vecanze e kalispera a te!

    P.S finalmente il google friend connect!! così non mi perdo più i post per strada..;)

    RispondiElimina
  8. complimenti sembrano davvero molto buoni e invitanti , e' stato un vero piacere conoscere il tuo blog ............felice serata

    RispondiElimina
  9. Ciao ! Piacere di conoscete te e il tuo blog ! Mi piace molto questo tuo angolino e, nel ringraziarti per essere passata da me e per le tue parole, mi aggiungo ai tuoi lettori con piacere !
    Mi piace moltissimo questa tua ricettina, fresca, leggera e colorata... e che dire del tuo racconto? Delizioso, come tutti i racconti dei tempi belli vissuti legati all'estate!
    A presto, buona giornata,
    Patty

    RispondiElimina
  10. Scusa ma dopo aver letto la Mordor-pasta sfoglia ho riso per mezz'ora. Me la immagino che ti scruta arcigna e fumante dicendo non ce la farai mai :-DD
    Comunque queste pizzettine devono essere super sfiziose anche se non hai affrontato la tua Mordor, io non sono una integralista, me le sarei mangiate davvero volentieri

    RispondiElimina