Su di me


Avete presente quelle cucine matriarcali calde, con le maioliche colorate, il cotto in terra e le travi a vista, il coniglio con le olive e l'alloro che cuoce nella pentola di rame, il tavolo in marmo pieno di farina per preparare la pasta fresca all'uovo delle galline che scorrazzano nell'orto che si intravede dalla porta finestra? In questa cucina è la nonna che impasta, la mamma è impegnata a stendere e la più piccolina con le mani piene di farina gioca con il matterello a fare la sua prima tagliatella; una bimba dal destino segnato, cuoca per dna, nuova custode delle ricette tramandate da generazioni.
Ecco, io anche no.
In cucina non mi facevano stare, per paura che il matterello me lo ingoiassi o tirassi tutte le uova nel muro.
Il tavolo in marmo in effetti ce l'avevamo, e ci abbiamo cenato e pranzato a suon di uova strapazzate al sugo di pomodoro,  sofficini rigorosamente gusto spinaci, pane e pasta di acciughe per merenda e, quando d'estate si moriva di caldo, il gelato gusto puffo (che poi sapeva di big babol, motivo che lo rendeva il preferito indiscusso).  I piatti tipici di una normale famiglia anni '80.
Il mio nonno paterno aveva realmente le galline ed un orto, ma le uova da bere che ci dava onestamente mi facevano un po' specie e le verdure mi erano indifferenti.
La mia nonna materna cucinava benissimo e metteva a tavola anche 50 persone alla volta; se penso ai suoi piatti migliori mi vengono in mente la pasta al ragù, le polpette, a Natale rigorosamente i passatelli, il sugo di cipolle imparato dal pensionato francese e tanto, tanto burro e tanto olio ovunque. Ora non cucina più perché han paura che faccia esplodere la cucina. Ha 85 anni, po'era donna.
Non appartengo alle cuoche per tradizione, e neanche a quelle per vocazione; se apro il frigo semivuoto e vedo solo due carote grigiastre che implorano di finire nell'umido vengo presa dallo sconforto, non ne tiro fuori un piatto esotico con la sua riduzione al granello di Sale verde marino della Guyana Francese.
In pratica non sono una cuoca. Però amo mangiare e adoro cucinare. Mi applico, invento, faccio dei troiai, prendo ispirazione dai milioni di libri di cucina che ho sulla mensola, sperimento ancora, rifaccio dei troiai, compro gli ingredienti e cerco di abbinarli, affetto, friggo, infarino finché non tiro fuori qualcosa di buono.
E in tutto questo io mi diverto, come una bimba nella cucina matriarcale. Da morire.
Poco tempo fa ho conosciuto e sposato Mr. Veg.
Prima di lui, mangiavo di tutto. E di tutti.
Ora ho smesso, perché in fondo, ho pensato, il suo perché ce l'ha, ci posso pure provare.  Ed ho pensato anche, non vorrai mica che cucini due cose differenti tutti i giorni?
E allora ho iniziato a cucinare tutte le verdurine belline Biologiche in tutti i modi possibili immaginabili ed ho scoperto che mi diverte ancora di più questa nuova cucina.
E poi mi ha anche regalato la Kitchen Aid. Se non bastava quello a farmi affrontare il Topinambur..

Piccola nota: le amorose illustrazioni delle verdurine che si trovano accanto al titolo del mio blog sono di Cathy Richardson, una sorridente signora americana il cui lavoro ho trovato su Etsy, qui trovate il link al suo negozio.
Le foto sono tutte fatte da me, se dovesse prendervi un inspiegabile ed arcano bisogno di riutilizzarle in qualche modo, basta chiedere!

11 commenti:

  1. Ciao, HO VEG, moglie del vegetariano!
    mi fa piacere che tu sia approdata sul mio blog, navigando sulle onde tumultuose del web!
    al percorso verso la strada del VERDE (vegetariano, vegano, crudista, fruttariana) credo ci si accosti un pò in modo casuale: ma poi oltre ad appassionarsi ai sapori "puliti" e "genuini", alcuni nè fanno un motivo di salute (ad esempio, io), oppure di etica morale (anch'io amo e rispetto molto il mondo animale, ma non sono il principale motivo per cui ho escluso la carne dalla mia dieta). E' sempre piacevole confrontarsi con chi apprezza il cibo vegetariano e lo sa rendere piacevole anche all'occhio oltre che al palato (foto stupende! complimenti!), anche perchè in questo ristorante virtuale è scon le immagini e con la lettura che catturi il lato goloso di chi ti legge!
    Verrò spesso a trovarti... sarà un vero piacere!
    ciao MARI

    RispondiElimina
  2. Ciao omonima, una bellissima presentazione, brillante... Come il tuo blog che mi ha colpito all'istante! :)

    RispondiElimina
  3. Vedi che avevo intuito bene, ami scrivere e sai farlo... ;-)

    RispondiElimina
  4. Questo blog è, è <3 <3 <3
    meravigliosa e fortunatissima scoperta del giovedì mattina.
    corro subito a guardarmi tutte le ricette :)

    RispondiElimina
  5. Sei grande!!! Ahahahahah
    Frizzante e dinamica. Mi piaci!

    RispondiElimina
  6. Ciao!! Ti ho scoperta proprio ora, per caso...grazie a Veganblog, in cui siamo "colleghe chef"! :)
    Passerò spesso a trovarti, gironzolare nelle cucine degli altri è una delle mie passioni; sbirciare nelle dispense altrui mi dona tranquillità. Quando si dice:basta poco... ;)
    A presto! Buon viaggio

    RispondiElimina
  7. Se cucini come scrivi (cosa che andrò ad appurare all'istante) hai trovato una lettrice fissa!!!

    RispondiElimina
  8. Bello fare la tua conoscenza :-)

    RispondiElimina
  9. Teresa, son così felice tu mi abbia trovata.
    Il tuo blog mi piace da morire, e la tua descrizione mi ha già cappottata...ho la vaga ma netta impressione che tu sia toscana ;)
    Un abbraccio e a presto
    Lou

    RispondiElimina
  10. Ciaoo, ti ho trovata boh!!! ma la presentazione di te stessa mi è piaciuta tantissimo. Divertente, diretta ed aperta. Meno male che non hai sposato un vegano sarebbe stata molto dura e carente dei principali nutritivi. Non sono ne vegetaria ne vegana ma onnivora con distinguo, Mangio poca carne in prevalenza bianca, pesce anche surgelato perchè pur vivendo in una citta di mare il pesce buono .......
    Non sono una foodblogger, nemmeno una cuoca ma so cucinare molto bene non per insegnamenti da piccola ma per necessità di adulta per famiglia ed essendo curiosa, buona mano e gusto il passo non è stato troppo difficile. Mi piace cucinare ma cercando piuttosto che come dico io la solita minestra, spaziando nel mondo lo trovo divertente anche per sostotuire qualcosa che non mi piace o non trovo con elemnti alla portata e rendendola gustosa ugualmente. Certo non posso fare paragoni non ero mica in Africa o Oceania.....
    Il mio blog è multitematico altrimenti mi annoio. non uso google plus perchè una volta fatto il mio blog non funzionava più e poi sinceramente sono già su face e non mi servono altri social.
    Ho 70 anni, mi piace l'infornatica, scrivere e dialogare e fra pochi giorni faccio 71.
    Scusa la lunga presentazione di me stessa ma mi sono aggiunta al tuo blog.
    Buona fine settimana.
    Edvige

    RispondiElimina
  11. Mi sono appena aggiunta ai tuoi lettori. Che piacevole sorpresa il tuo blog :)

    RispondiElimina